Partire tornare ... ripartire ritornare ... in un continuo inarrestabile viaggiare

14 giugno 2006

SALINA 1-4 GIUGNO 2006


Avevo già scoperto che a dicembre i palermitani non sono sdraiati a prendere il sole sulla spiaggia di Mondello, che il freddo dell’inverno è una condizione ad essi non sconosciuta, che anche loro fanno uso di capi d’abbigliamento, definiti con termine onnicomprensivo, nelle aziende del settore, “coprispalla”. Ed ora mi trovo a dovervi informare che quando una perturbazione viene annunciata, colpisce ostinatamente ed insistentemente anche le Isole Eolie, costringendo le barche alla staticità di un porto.
Ma nella vita bisogna sempre avere un piano “B” pronto ad essere messo in atto, ed il nostro, scattato per far fronte alle avverse condizioni meteo, è stato IL PIANO B come BARBERA! Non si tratta di un vitigno, anche se chi porta codesto cognome se ne occupa, ma di un piano, inteso come casa a Salina, di proprietà della famiglia Barbera!
Qui comincia il racconto di un viaggio che doveva essere un altro viaggio, un viaggio per mare, che si è trasformato in un girovagare per le strade dell’isola, un viaggio in compagnia di soli volti noti, che invece ha riservato nuove conoscenze, un viaggio in bikini che ci ha visti coperti fino alla testa, un viaggio che doveva veder sventolare una bandiera mai terminata, un viaggio che mi ha regalato tanti pensieri, tante voci, tanto gusto, tante risate, tanto freddo!

11 Commenti:

  • Alle giovedì, giugno 15, 2006 10:39:00 AM , Anonymous il promesso ha detto...

    inizierei a pensare che il maltempo possa essere legato alla Tua presenza.

    comunque complimenti , per le foto.

     
  • Alle giovedì, giugno 15, 2006 11:39:00 AM , Blogger Anonymous ha detto...

    Io che sia legato alla presenza contemporanea di qualcun'altro in Sicilia...o a qualche secciata che c'è sempre ... ma il sole poi è arrivato...caldo...bello...non è stato sole eoliano ma che importa...e me lo sono anche portato dietro!

    le altre foto arriveranno...

     
  • Alle venerdì, giugno 16, 2006 1:50:00 AM , Anonymous Anonimo ha detto...

    le foto sono davvero bellissime....complimenti.........ma soprattutto ben tornata.............by la stella dell atletico.............

     
  • Alle venerdì, giugno 16, 2006 3:46:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

    vedo che la tua prosa sta via via migliorando, quasi a raggiungere la tua abilità di donna maliarda e incantatrice...

     
  • Alle venerdì, giugno 16, 2006 4:44:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

    Ci sono 7 giorni scoperti, fuori il resto.

     
  • Alle sabato, giugno 17, 2006 9:05:00 AM , Anonymous Anonimo ha detto...

    C'è una sicilia dei siciliani e c'è una sicilia del resto del mondo. Gli occhi che guardano sono uguali, le sensazioni completamente diverse.Chi scrive in questo blog della sicilia , a te siciliano, fa respirare aria di montagna, pura, cristallina. Invece il respiro di noi sicilani e statico,catramato come se ci portassimo addosso il fardello di tutte le negatività di quest'isola.
    Continuerò a seguirvi.....

     
  • Alle sabato, giugno 17, 2006 10:08:00 AM , Blogger Anonymous ha detto...

    ...ed io a scrivere di quest'isola...

     
  • Alle sabato, giugno 17, 2006 12:11:00 PM , Anonymous Anonimo ha detto...

    ...ho detto fuori le altre foto...

     
  • Alle sabato, giugno 17, 2006 1:48:00 PM , Blogger Anonymous ha detto...

    ...ed io ho scritto lavori in corso...questo reportage non è una sveltina ma un rapporto con preliminari e coccole finali...con calma e per favore...

     
  • Alle domenica, giugno 18, 2006 11:05:00 AM , Anonymous Anonimo ha detto...

    "Avevamo parlato a lungo di passione e spiritualità e avevamo toccato il fondo della loro provvisorietà,lei disse stà arrivando il giorno,chiudi la finestra,o il mattino ci scoprirà, e lui senti crollare il mondo,senti che il tempo gli remava contro,schiacciò la testa al suo cuscino per non sentire il rumore di fondo della città.
    Una tempesta d'estate lascia sabbia e calore e pezzi di conversazione nell'aria e ancora voglia d'amore,lei chiese la parola d'ordine, il codice d'ingresso al suo dolore,lui disse non adesso ne abbiamo già discusso troppo spesso,aiutami piuttosto a far presto il mio volo lo sai partirà tra poco più di due ore.
    Sentì suonare il telefono nella stanza gelata e si svegliò di colpo e capì di averla solo sognata, si domandò con chi fosse e pensò è acqua passata e smise di cercare risposte,sentì che arrivava la tosse, si alzò per aprire le imposte , ma fuori la notte sembrava appena iniziata.
    Due buoni compagni di viaggio non dovrebbero lasciarsi mai, potranno scendere in porti diversi, saranno sempre due marinai.
    Lei disse,misteriosamente,sarà sempre tardi per me quando tornerai e lui butto il soldino nel mare,lei lo guardò galleggiare,
    si dissero ciao per le scale e la luce dell'alba dal cuore sembrò evaporare"....dedicato a te ed a tutti quelli che vivono i viaggi con grande amore e sensibilità.

     
  • Alle lunedì, giugno 19, 2006 9:33:00 AM , Blogger Anonymous ha detto...

    Con assoluta certezza posso affermare che questo blog è multiregionale, multiprofessionale, multipolitico, multianagrafico, multireligioso, multi ...tutto e mi piace...c'è molto anonimato...ma non mi disturba...spesso individuo chi mi sta parlando...altre volte prendo cantonate...altre ancora non ho alcun sospetto...ma si tratta sempre di PERSONE con l'ANIMA....

     

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page