Partire tornare ... ripartire ritornare ... in un continuo inarrestabile viaggiare

20 giugno 2006

CARTOLINA DAL REGNO DELLE DUE SICILIE

Si avisse fatto a n'ato, chello ch'e fatto a mme
st'ommo t'avesse acciso, tu vuò sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a sta terra, femmene comme a te
non ce hanna sta pé n'ommo onesto comme a me.
Femmena, tu si na malafemmena.
Chist'uocchie 'e fatto chiagnere lacreme e infamità.
Femmena, si tu peggio 'e na vipera,
m'e 'ntussecata l'anema, nun pozzo cchiù campà.
Femmena, si ddoce comme 'o zucchero,
però sta faccia d'angelo te serve pe 'ngannà ...

Te voglio ancora bene, ma tu nun saie pecchè
pecchè l'unico amore si stata tu pe me
E mo pe nu capriccio, tutto 'e distrutto, ojnè,
Ma Dio nun t'o perdone chello ch'e fatto a mme!

Location: Grand Hotel Federico II, Palermo
Testo: Malafemmena, Antonio De Curtis

15 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page